Seattle: A little bit of Nevermind

Soprannominata  “la città smeraldo”, quartier generale dell’internazionale Amazon e di Starbucks, Seattle racchiude in sè moltissime storie e luoghi simbolo della cultura americana e non solo.

Ultima città statunitense prima della canadese Vancouver, Seattle è stata il cuore del movimento grunge o Seattle Sound. Nato a metà degli anni Ottanta, il grunge  unisce diversi generi in un’unica espressione musicale: rock psichedelico, punk, hard rock, heavy metal… Ancora oggi si discute se può essere considerato un vero genere musicale oppure se con questo termine si voleva identificare con un’unica etichetta comune, la provenienza di band e gruppi musicali nati in città in  quegli anni.

Tra i maggiori esponenti del genere, celebrati in aprile anche da Rai 5: i Nirvana.

Quale posto migliore se non l’EMP Museum per raccontare tratti della loro storia musicale, fino all’impensabile  successo dell’album Nevermind. Lo stesso Dave Grohl, batterista dei Nirvana e oggi  leader dei Foo Fighters ha ripetuto in numerose interviste, che a causa del successo planetario di questo album il leader della band, Kurt Cobain, è stato portato  alla morte in quanto “ non era in grado di reggere una tale pressione mediatica”.

Con “Smells like teen spirit” i Nirvana hanno creato  non solo un video musicale innovativo, low bdget e che ben rappresenta il movimento giovanile e di contestazione alle regole ma anche un singolo, lanciato qualche mese prima della release dell’album che ha fatto la loro storia.

All’EMP Museum è possibile calarsi in tutto questo, girovagando tra le teche in vetro un’esposizione di testi scritti su pezzi di carta “straccia”, giubotti in pelle, pezzi di chitarre, plettri e schizzi di copertine di album ci riporta a questa storia. Attaccati alle pareti lettori cd e dvd nel quale riascoltare ipezzi più significativi ma anche alcune tv sintonizzate su documentari  pubblicati sulla band e video musicali. Un tuffo nella storia per rivivere quei magici momenti rock/punk anni 90 che hanno caratterizzato la scena musicale della città!

Scopri di più sull’EMP Museum di Seattle leggendo qui

 

3 Replies to “Seattle: A little bit of Nevermind”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *