Il magico Natale di New York


Ogni anno migliaia sono i visitatori che arrivano in città per ammirare il Natale newyorkese.

Un’esperienza davvero incredibile quella di passare Natale e Capodanno qui. Non solo la famosa accensione dell’albero natalizio al Rockefeller Center ma anche le luci di Macy’s e i mercatini di Natale di Bryant Park o Union Square.

L’albero di Natale al Rockfeller Center

L’albero di Natale del Rockfeller Center

Sempre ricercatissimi i posti per la cerimonia per assistere alla Lightning Ceremony per l’albero natalizio del Rockfeller Center.

Molte persone sono in coda già  dal mattino pur di non perdere la cerimonia e accaparrarsi i posti più vicini all’albero.

Questo magnifico albero alto 20 m e decorato con più di 8 chilometri di luci inaugura il periodo natalizio americano.

Solitamente acceso il mercoledì dopo il Ringraziamento, la cerimonia si tiene dalle 19 alle 21. Essendo posto al centro della piazza con l’angelo e il Rockfeller Center a fare da sfondo, la miglior vista su di esso si ha entrando frontalmente dalla Fifth Avenue.

Al termine del periodo di festa l’albero viene trasformato in legname utile alla costruzione di case per le persone più bisognose.

La manifestazione ha un hashtag dedicato #RockCenterXMAS.

L’albero viene tenuto acceso fino al 7 gennaio dalle 5:30 alle 23:30, tranne il 31 dicembre quando viene spento per qualche ora per permettere di ammirare i fuochi d’artificio di Capodanno.

In occasione dell’ accensione dell’albero si esibisce anche un artista famoso e la pista di pattinaggio viene allestita per far divertire grandi e piccini.

I mercatini natalizi di Bryant Park e Union Square

Union Square e Bryant Park ospitano ogni anno dei mercatini natalizi inaugurati tra fine novembre e i primi di dicembre aperti fino al 7 gennaio.

Il Winter Village di Bryant Park apre già dal 31 ottobre con più di 100 casette di legno. Una pista di pattinaggio, decorazioni, prodotti natalizi, fanno capolino dalle bancarelle.

Union Square Market è un po’ più piccolo rispetto a Bryant Park. Creato su esempio dei mercatini del Nord Europa è considerata la miglior manifestazione di strada di New York.

Ciò che lo caraterizza sono i negozi multietnici, oggetti artigianali, opere d’arte, abbigliamento, giocattoli vintage e Street Food.

Se però il tempo non è dei migliori, un giro alla Grand Central Terminal – si proprio la stazione dei treni ormai dismessa – è d’obbligo. Il mercatino coperto che si svolge qui è più piccolo ma ugualmente affascinante.

E infine Macy’s

Come non parlare di Macy’s New York un centro commerciale già protagonista di altri eventi fra cui il Thanksgiving oltre alla parata per il Veterans Day e cuore della vita newyorkese insieme alla 5th Avenue.

Un piano intero viene dedicato al Natale ogni anno, Macy’s Santaland, e fiocchi di luce colorati avvolgono il complesso esternamente quasi a ricordare un pacco regalo.

Un intero villaggio di Natale viene realizzato all’interno del centro e Santa Claus è pronto ad accogliere i più piccoli che richiedono i loro doni di Natale.

Insomma un grande parco giochi dedicato a grandi e piccini!


Curiosità

Lo sapevate che la famosa pista di pattinaggio è stata aperta al pubblico solo nel 1936? Da allora ogni anno rappresenta uno degli appuntamenti fissi di tutti gli americani che arrivano a New York per assaporare l’ambiente natalizio!

Spelacchio, così è stato soprannominato l’abete del Rockfeller Center nel 2020, si si proprio lo stesso nome di quello arrivato a Roma nel 2017.

A metà novembre è arrivato al Rockfeller Center il famoso abete natalizio. Appena eretto sulla piazza l’albero ha iniziato a perdere foglie e rami, tanto che la rivista newyorkese The Cut, lo ha indicato come “simbolo della sofferenza e delle difficoltà di un 2020, fatto di “isteria elettorale” e “panico da Covid” .

Secondo alcuni però le cure lo porteranno a risplendere come sempre!

Su Spelacchio Rockfeller (così lo soprannomino io XD) è stato trovato un piccolo gufo che ha avuto il coraggio di fare la traversata oceanica forse per visitare New York. Appena trovato il gufetto è stato portato al Ravensbread Wildlife Center di Saugerties e dopo qualche giorno di cura è ritornato in forma smagliante! 270 km di volo lo hanno reso celebre!

Ed ecco qui l’accensione del grande albero avvenuto martedi 2 dicembre 2020!

23 Replies to “Il magico Natale di New York”

  • Qualche anno fa sono stata a New York proprio nel periodo del Thanksgiving e ho avuto la fortuna di vedere l’albero acceso. Non l’accensione purtroppo perché essendo arrivata all’ultimo minuto, ho trovato una cosa di parecchi isolati 😉 Però anche senza vedere la cerimonia ufficiale è uno spettacolo che ha qualcosa di molto magico: per me è stato come essere sul set di tutti i film a tema “Natale a New York” visti nel corso degli anni!

  • Pensavo proprio l’altro giorno di quanto mi piacerebbe visitare New York a Natale. Io l’ho vista in estate e mi è piaciuta molto, ma sotto le feste deve avere un fascino unico!

  • Sono stata a New York per la prima volta proprio nel periodo di Natale: inutile dire che mi sono follemente innamorata della città e da allora ci devo tornare ogni tanto, come se un pezzetto del mio cuore fosse rimasto là. Le luci, l’atmosfera, il freddo, le vetrine. Tutto è magico a NY e anche quest’anno l’albero, benché stressato, è magnifico!

  • La prima volta che sono stata a New York avevo 16 anni ed era proprio Natale. Per me questa citta’ e’ proprio in simbolo di Natale e andrebbe assolutamente visitata in questo periodo!

  • E’ sempre stato il viaggio dei. miei sogni. Quest’anno saremmo dovuti essere a New York per Natale, per poi ripartire verso le Hawaii e rimanerci fino alla befana. Non voglio pensare ai miei sogni infranti dalla pandemia, ma piuttosto organizzare al meglio per il prossimo anno va….

  • Credo che queste immagini possano riassumere perfettamente quello che nell’immaginario collettivo della nostra generazione sia il Natale. Ho sempre desiderato vedere NY nel periodo più magico dell’anno, e invece l’occasione mi è capitata solo in pieno agosto. Beh, a Rockefeller ci sono stata, ma senza albero e con 42 gradi umidi

  • Sono stata a New York in occasione del 4 luglio ma ci vorrei proprio tornare nel periodo natalizio! Mi spaventa un poì il freddo che so che è bello pungente ma almeno una volta nella vita questo viaggio è da fare!

  • Sono stata a New York l’anno scorso, ma in primavera (anche se faceva freddo come se fosse inverno). Posso solo immaginare quanto sia affascinante la città immersa nelle luci dell’atmosfera natalizia! Uno spettacolo che vorrei vedere, prima op poi.

  • Ho alcuni amici che vivono a New York ed ogni anno mi mandano le foto dell’albero e dei decori delle strade principali. Non tralasciano neppure qualche video della pista di pattinaggio. Quest’anno sarà senza turisti: si sentiranno soli?

  • New York va vista almeno una volta a Natale la città è sempre più magica, avrei proprio voglia di tornarci speriamo che questa lunga attesa sia prossima alla fine

  • Sarò controcorrente, ma non ho amato New York in modo particolare. Potrei però pensare di tornarci per Natale in futuro… Chissà che non cambio idea! Sembra magica in quel periodo!

  • Ecco questa è una cosa che ho sempre desiderato fare. Un Natale a New York!! Sarà colpa dei tanti film ambientati in questa città ed in questo periodo, ma ho sempre pensato che deve essere un qualcosa di magico.

  • Che emozione dev’essere vedere l’accensione delle luci al Rockfeller Center, il fulcro del natale newyorkese, con la sua pista di pattinaggio sul ghiaccio. Una scena che spesso si vede solo nei film. Macy’s mi ricorda molto i grandi magazzini londinesi invece che ogni anno cambiano faccia e cambiano tema natalizio con decorazioni sempre più belle e grandi.

  • Prima o poi mi piacerebbe proprio passare un Natale a NY… quante decorazioni, che atmosfera e chissà che magia! Mi sono segnata un giro alla Grand Central Terminal per i mercatini di natale, mi piacciono tantissimo e non possono mancare a Natale.

  • Anch’io 3 anni fa sono andata sotto Natale s New York e sono rimasta affascinata!
    le vetrine di Macys, l’albero a Rockefeller e tutte le decorazioni natalizie mi hanno fatto sognare!
    peccato il freddo incredibile ma ne è valsa la pena!

  • Uno dei miei viaggi nel cassetto è proprio quello di passare il Natale (ma soprattutto i giorni che lo precedono) a New York e poi partire Miami e le Keys. Prima o poi riuscirò a realizzare questo sogno, per ora mi accontento di vedere New York addobbata nel tuo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *