La Liberty Bell: simbolo della libertà americana

La liberty bell di Philadelphia

Meta di miglialia di turisti ogni anno, la Liberty Bell è la campana più importante degli Stati Uniti d’America!

Ospitata per molti anni sulla Torre della Pennsylvania State House a Philadelphia, la Liberty Bell è riconosciuta da molti quale simbolo della libertà.

Dove nasce la Liberty Bell?

La campana fu forgiata a Whitechapel a Londra, il quartiere malfamato della città, reso famoso non solo da un personaggio alquanto particolare, Jack lo Squartatore, ma anche luogo di nascita di William Penn il fondatore dello Stato della Pennsylvania.

Fin dal 1837, la campana fu adottata dalla società americana come simbolo della libertà e della liberazione dalla schiavitù.

Simbolo della rivoluzione americana

Il 4 luglio 1776 il suo suono radunò i cittadini di Philadelphia per la prima lettura pubblica della Dichiarazione di Indipendenza e poi per annunciare l’apertura del Primo Congresso Continentale del 1774 e dopo la battaglia di Lexington e Concord nel 1775.

Suonò per l’ultima volta il 22 febbraio 1846 in occasione del compleanno di George Washington.

La famosa crepa

Liberty Bell Philadelphia inscription
Liberty Bell Philadelphia inscription

Pochi giorni dopo il suo primo utilizzo, apparve sulla ua struttura una crepa che verrà più volte saldata.

La stessa campana venne fusa per ben due volte da due artigiani di Philly, John Pass e John Stow, i cui nomi appaiono proprio sulla sua celebre incisione.

Nonostante l’aggiunta della lega di rame per saldare la campan e dopo l’ennesimo suono del battacchio che creò una nuova crepa, i cittadini decisero di non ripristinarla e lasciarla così.

Oggi la campana è conservata al Liberty Bell Center e la sua incisione, riportata dallo stesso Hamilton, parola per parola sualla pagina delle firme della Dichiarazione recita quanto segue:

Proclaim LIBERTY Throughout all the Land unto all the Inhabitants Thereof Lev. XXV. v X.

By Order of the ASSEMBLY of the Province of PENSYLVANIA for the State House in PhiladA

Pass and Stow

Philad

MDCCLIII

Michela Crosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *